Statuto

Art. 1. – E’ costituita l’associazione culturale – editoriale [parentesiquadre]. [parentesiquadre] è una libera associazione di fatto, apartitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto.

Art. 2. – L’associazione [parentesiquadre] persegue i seguenti scopi: – promuovere il pensiero critico come strumento indispensabile per l’indipendenza dell’individuo; – ampliare e stimolare il dibattito e il confronto attraverso il finanziamento di prodotti editoriali come giornali, riviste, podcast; – fornire gli strumenti e gli spazi necessari per stimolare la coscienza critica e allargare gli orizzonti culturali dei suoi iscritti e non attraverso i prodotti di cui sopra; – proporsi come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’idea che il dibattito, partecipato con l’ausilio del pensiero critico, sia la base di partenza per una comunità politicamente sana e autonoma (qui è disponibile una panoramica più ampia sull’associazione).

Art. 3. – L’associazione [parentesiquadre] per il raggiungimento dei suoi fini intende promuovere varie attività, in particolare: • attività culturali: incontri, conferenze, dibattiti, confronti; • attività editoriale: finanziare, produrre e gestire siti web culturali (giornali, riviste) e podcast nonché pubblicare “fogli” a quattro facce da distribuire gratuitamente.

Art. 5. – L’ammissione dei soci ordinari è deliberata su domanda scritta del richiedente.

Art. 6. – Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell’associazione, il consiglio direttivo (composto dal presidente i soci fondatori) dovrà intervenire ed applicare le seguenti sanzioni: richiamo, diffida o espulsione dall’associazione.

Art. 7. – Tutti i soci maggiorenni hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa.

Art. 8. – Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da: – contributi; – donazioni e lasciti; – attività marginali di carattere commerciale e produttivo; – ogni altro tipo di entrate. I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale e da eventuali contributi straordinari. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 9. – Gli organi dell’associazione sono: – l’assemblea dei soci; il consiglio direttivo;  – il presidente.

Art. 10. – Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea straordinaria. Il patrimonio residuo dell’ente deve essere devoluto ad associazione con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190 della legge 23.12.96, n. 662.

Art. 11. – Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai soci compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate.

Art. 12. – Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigente in maniera.